Ultima modifica: 8 Aprile 2020
Istituto di Istruzione Superiore "Piero Gobetti" > Avvisi > COMUNICAZIONE PER ALUNNI E FAMIGLIE

COMUNICAZIONE PER ALUNNI E FAMIGLIE

COMUNICAZIONE PER ALUNNI E FAMIGLIE 

Informo le SS.VV. che da domani, 9 aprile a martedì 14 aprile compresi, come da calendario regionale, ci saranno le vacanze di Pasqua. Auguro a tutti che siano un momento di riposo, ma soprattutto di riflessione e di riscoperta del valore delle cose che, nella vita,  contano davvero.

Questo non esclude, naturalmente, alcuni momenti di lavoro o di studio, che occuperanno in particolare gli alunni a cui è stato chiesto di affrontare, a partire dal prossimo 15 aprile, le verifiche di recupero per i debiti formativi del 1° quadrimestre (il calendario è già pubblicato sul registro, come vedete). Ciò esclusivamente nell’interesse degli alunni stessi, onde non si  trovino, qualora si tornasse a scuola a maggio, a dover affrontare anche questo impegno o, nel caso a scuola per quest’anno scolastico non si tornasse più, a dover recuperare, a settembre, tutte le carenze formative dell’anno scolastico attuale (debiti del 1° e, eventualmente, per chi ne avesse, debiti del 2° quadrimestre).

Chiedo perciò a voi, ragazzi, impegno e senso di responsabilità; alle famiglie,  di aiutarvi a comprendere l’importanza dello studio e del sacrificio (ma spero anche del piacere e delle soddisfazioni) che lo studio può comportare, in un momento in cui il Paese, per riprendersi, dopo la gravissima situazione attuale, avrà bisogno dell’intelligenza, della intraprendenza e del coraggio di tutti noi.

Vi dedico, infine, questa bellissima poesia di Alda Merini, a cui , come sapete, è stato scelto di intitolare il piazzale antistante la nostra scuola.

A tutti i giovani raccomando:
aprite i libri con religione,
non guardateli superficialmente,
perché in essi è racchiuso
il coraggio dei nostri padri.
E richiudeteli con dignità
quando dovete occuparvi di altre cose.
Ma soprattutto amate i poeti.
Essi hanno vangato per voi la terra
per tanti anni, non per costruivi tombe,
o simulacri, ma altari.
Pensate che potete camminare su di noi
come su dei grandi tappeti
e volare oltre questa triste realtà
quotidiana.

Alda Merini, da “La vita facile”